Blog del gruppo stabile del Vicariato III di Correggio (Diocesi di Reggio Emilia - Guastalla)
per l'applicazione del Motu proprio "Summorum Pontificum" di S.S. Benedetto XVI

sabato 30 novembre 2013

29/11/13: Immagini della Santa Messa in onore del beato Rolando a Correggio



CORREGGIO (Reggio Emilia) – Tanta gente ha preso parte venerdì alle 19 alla messa in latino dedicata al beato Rolando Rivi nel santuario Madonna della Rosa. Per l’occasione è stata anche esposta e baciata una reliquia (una ciocca di capelli) del seminarista ucciso. “Un dono dell'Arcidiocesi di Modena – si legge in una nota - che ha acconsentito che la reliquia del Beato arrivasse in terra reggiana, prima a Rio Saliceto, poi a Correggio per la Messa di venerdì cantata dal canonico don Rino Bortolotti e alla quale ha assistito il vicario foraneo in rappresentanza del vescovo. Don Carlo Castellini, infatti, dopo il canto dei Vespri presso il monastero delle Clarisse Cappuccine, ha portato in processione la reliquia verso il santuario mariano, poi, prima della Messa ha letto un messaggio del vescovo Massimo Camisasca indirizzato al gruppo stabile”.

Soddisfazione è stata espressa dal portavoce del gruppo stabile Carlo Alberto Alberti per “la notevole partecipazione della gente: la chiesa era gremita, c’erano persone in piedi, non c’erano solo correggesi, ma gente da tutto il vicariato e non solo. Molti erano i giovani e questo dimostra che la ‘Messa in latino’ o meglio il ‘rito antico’ o la ‘forma straordinaria del Rito Romano’ non è per nulla un affare da anziani, che ricordano nostalgicamente i bei tempi della loro gioventù, ma può interessare anche le nuove generazioni”.

Alberti ha riferito che “a quanto ci risulta questa è la prima Messa di una certa valenza pubblica, celebrata esplicitamente in onore di Rolando dopo la sua beatificazione: il fatto che sia stata ‘cantata’ ed in rito antico (che è la forma alla quale lui stesso si accostava giornalmente) è motivo di ulteriore gioia”.

Ecco alcune significative immagini della Santa Messa:



















Nessun commento:

Posta un commento