Blog del gruppo stabile del Vicariato III di Correggio (Diocesi di Reggio Emilia - Guastalla)
per l'applicazione del Motu proprio "Summorum Pontificum" di S.S. Benedetto XVI

domenica 27 novembre 2011

Resoconto e fotografie della Santa Messa in San Quirino





Sabato 26 novembre a Correggio nell’Insigne Basilica Collegiata dei Santi Quirino e Michele Arcangelo si è celebrata una Santa Messa in forma straordinaria, cioè in lingua latina, secondo il messale promulgato dal Beato Giovanni XXIII nel 1962, come previsto dal Motu proprio “Summorum Pontificum” di Benedetto XVI.

L’iniziativa è stata presa dal Gruppo stabile “Servo di Dio Rolando Rivi”, un gruppo di fedeli che intende promuovere e divulgare il rito latino antico in particolare nel Vicariato III della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla.

Sabato scorso, dunque, dopo la recita del Santo Rosario, padre Immacolato Acquali, della Congregazione dei Frati Francescani dell’Immacolata, attualmente parroco della chiesa di Santo Spirito a Ferrara, ha celebrato la Santa Messa all’altare della Beata Vergine di Lourdes. 

I fedeli correggesi (ben una sessantina di persone e non solo gli aderenti al gruppo stabile)  hanno così potuto di nuovo gustare, dopo una cinquantina d’anni, la celebrazione dell’Eucaristia nella forma tradizionale, usata (… e pregata con tanta devozione) per molte centinaia d’anni da tante generazioni di nostri antenati. La soddisfazione alla fine è stata generale: clima di gioia e di preghiera, molto silenzio, molte presenze anche di giovani, commozione per alcuni anziani e qualche nuova adesione al gruppo stabile.
 
Il Gruppo stabile "Servo di Dio Rolando Rivi" esprime i più vivi ringraziamenti sia al sacerdote celebrante, padre Immacolato, per la grande disponibilità con cui ha accolto il nostro invito (sorbendosi numerosi chilometri di nebbia), sia al parroco di San Quirino, don Fernando Borciani, per avere concesso l’uso della Basilica. Grande riconoscenza soprattutto al Santo Padre per avere, con il Motu proprio “Summorum Pontificum”, promosso la forma straordinaria del rito romano.

Nessun commento:

Posta un commento